Palazzo Savio

FAMIGLIA SAVIO

PALAZZO SAVIO – MUSICA e CULTURA

Palazzo Savio è un interessante complesso architettonico del tardo Settecento situato nel centro storico di Dronero, alle porte della Valle Maira. Il comune, in collaborazione con le associazioni del territorio, in un’ottica di valorizzazione e riqualificazione lo ha pensato e progettato quale polo cittadino dedicato alla cultura, alla musica e all’incontro.

Un polo cittadino dedicato a cultura, musica e incontri

Qui hanno sede l’Istituto Civico Musicale “G. Donadio”,  la collezione di strumenti musicali “G. B. Goletti”  e il Centro Sociale d’Incontro.

In tal modo Palazzo Savio rappresenta una sorta di “laboratorio culturale” dove si affiancano formazione e divulgazione, luogo di incontro e confronto per generazioni e tipologie di pubblico differenti.

 

LA COLLEZIONE “G.B.GOLETTI”

Palazzo Savio ospita l’esposizione permanente della ricca collezione di strumenti musicali donata alla città di Dronero da Giovanni Battista Goletti, composta da oltre 150 pezzi provenienti da ogni parte del mondo.

Uomo pieno di vitalità e spirito d’avventura, Giovanni Battista (1934-2011) amava viaggiare e nel corso degli anni visitò molti paesi dei 5 continenti; da ognuno di essi portava a casa alcuni strumenti musicali come souvenir.

Tra gli altri, si possono ammirare pezzi estremamente curiosi e pregevoli per fattura provenienti dalle regioni più lontane dell’Africa, dell’Asia, dell’Oceania e delle Americhe.

Un’importante testimonianza delle diverse culture musicali del mondo.

 

LA STORIA

La famiglia Savio è originaria di Cuneo, le prime notizie disponibili riferiscono che l’abitazione era in quella che oggi è via Roma, civico 21, davanti alla chiesa di sant’Ambrogio, nell’ultimo tratto di portici. Siamo a metà Settecento, in Francia regnava Luigi XVI e la Rivoluzione era alle porte, i due capostipite erano tal Bartolomeo Savio (1732-1819) e Teresa Chianale, dalla loro unione nascono sette figli.

Il terzogenito Pietro (1752-1850), conseguita l’abilitazione all’esercizio della professione di “speziale” presso l’Università di Torino, si stabilisce a Dronero in Via Maestra, attuale Via Giolitti, nella casa dove ora è ospitata una parafarmacia, davanti al Municipio.

Pietro Savio sposa Marianna Piassolo (morta nel 1845), figlia del notaio Alessandro Piassolo, Segratario della Città di Dronero. Dei quattro figli di Pietro e Marianna, il terzogenito Carlo (1813-1880) esercita come il padre, la professione di farmacista. E’ finito il sogno napoleonico e siamo in pieno Risorgimento, Carlo Savio sposa Caterina Denina (1818-1909) dalla quale ha sei figli.

Il secondogenito di Carlo e Caterina, Pietro(1840-1913), divenuto poi prefetto del Regno a La Spezia, Genova, Ascoli Piceno e Padova, sposa Teresa Praille (1850-1934) dalla quale ha cinque figli (due femmine e tre maschi), di questi abbiamo recuperato una bella foto scattata nel cortile di casaSavio, in alto, da sinistra a destra, i figli Anna, Carlo, Mario, Giuseppina ed Alessandro, seduti Pietro e la moglie Teresa

Pietro e Teresa abitano la casa accanto alla Confraternita, forse avuta in eredità dal padre e dalle sorelle Piassolo, cioè dalla famiglia materna di Pietro.

I figli maschi non proseguono la discendenza e la famiglia si estingue. Il figlio Mario Savio (1880-1971) ingegnere, residente a Genova, erede di casa Savio, nel 1958 fa donazione della stessa alle Opere Pie Gattinara Roascio.

La casa viene venduta dalle Opere Pie al Comune di Dronero che utilizza il fabbricato delle carrozze come sede del Centro Giolitti, mentre il corpo della casa diventa sede del Centro Sociale, a piano terreno, e ufficio del Giudice di Pace, negli altri due piani.

Quando l’ufficio del Giudice di Pace si trasferisce a Cuneo arriva il Civico Istituto Musicale ed arriviamo così ai giorni nostri.

 

LA MUSICA

Il Civico Istituto Musicale “Gianfranco Donadio”, nasce nel 1987. La scuola è aperta a tutti coloro che desiderano avvicinare la musica attraverso lo studio di uno strumento e non conosce limiti d’età. Le proposte prevedono corsi propedeutici rivolti ai bambini di età prescolare, corsi di strumento consigliati ai fanciulli, ma rivolti anche agli adulti che nutrono la passione della musica.

La gamma degli strumenti proposti è ampia ed in continua evoluzione e include strumenti tradizionali come l’organetto e la ghironda, i classici come il pianoforte, gli strumenti a fiato e gli archi, e quelli moderni come la chitarra elettrica, il basso, la percussione. Non mancano poi Corsi vocali.

I piani di studio includono materie teoriche e studio dello strumento a cui si affianca la pratica della musica d’insieme.

Nel corso degli anni alla didattica strumentale si è aggiunta l’attività concertistica. L’Istituto organizza tutti gli anni una serie di concerti di vario genere per offrire la possibilità di gustare la musica dal vivo.